Roberto Giovannelli

Roberto Giovannelli

Nato a Montecatini in Val di Nievole il 13 marzo 1947. Vive a Pieve a Nievole e a Firenze, ove si è formato all'Accademia di Belle Arti nelle scuole di Ugo Capocchini e di Primo Conti, frequentando negli stessi anni lo studio dell'incisore Pietro Parigi. Ha studiato come borsista nella Rijksakademie di Amsterdam e successivamente presso il Dams di Bologna, ove ha condotto ricerche sperimentali in tema di teoria della percezione e tridimensionalità illusoria. Nel 1976 è nominato titolare della cattedra di Pittura nell'Accademia di Carrara, poi in quella di Bologna e dal 1980 nell'Accademia di Firenze, dove ha insegnato fino al 2008 come coordinatore del Biennio specialistico di Pittura e Arti multimediali.
È Accademico ordinario e vicepresidente della classe di Pittura della fiorentina Accademia delle Arti del Disegno. Membro del comitato scientifico della rivista Labyrinthos (1992/2000) fondata da G. L. Mellini. In parallelo con l'attività artistica ha svolto studi e ricerche sistematiche sulla prassi pittorica in Italia tra Settecento, Ottocento e Novecento, ponendo particolare attenzione al tema del Disegno come nucleo germinativo dell'opera d'arte. In questo contesto ha portato sostanziali integrazioni alla biografia e al catalogo di Bernardino Nocchi, nuovi contributi alla biografia di Stefano Tofanelli, rimesso in luce l'eccentrica figura di Niccola Monti; è intervenuto su artisti quali Raffaello e Antonio Morghen, Francesco Antonio Cecchi, Luigi Crespi e Innocenzo Ansaldi, Pietro Benvenuti, Giuseppe Bezzuoli, Pietro Cheloni e altri. Dirige la collana Scrapts – taccuini di lavoro, concepita come laboratorio poetico, presso le edizioni Polistampa di Firenze.

Ha recentemente pubblicato: Piccolo viaggio al centro della Toscana, Gli Ori, Pistoia, 2004; Vagabondaggi di carta. Con un florilegio di ex-libris italiani della prima metà del Novecento, Polistampa, Firenze, 2006; Il Nudo in scena. Due passi con Pietro Benvenuti nella fiorentina Accademia delle Belle Arti, Firenze, 2008; Taccuino di Pensieri, Firenze, 2011. Fra le mostre personali più significative si ricordano: Firenze, Galleria La Piramide, 1985; Pontiac, Michigan, Schweeyer-Galdo Galleries, 1986; Prato, Galleria Metastasio, 1987; Nizza, Palais des Expositions, Art Jonction International, 1987; Firenze, Saletta Gonnelli, Simulazioni, 1998: Firenze, Note turchine, Sala delle Esposizioni dell'Accademia delle Arti del Disegno, con un'antologica di disegni e dipinti, 2011. Fra gli inviti e le partecipazioni si segnalano: Roma, X Quadriennale, La nuova Generazione, 1975; Parigi, Grand-Palais, XXXVIIe Salon de la Jeune Peinture (a c. di G. Serafini), 1986; Bergamo, Biennale d'arte, 1988; Madrid, Arco 1988, 1989; Siena, Magazzini del Sale, V Biennale d'Arte Sacra, 1988; Milano, Internazionale d'Arte Contemporanea, 1989; Celano (L'Aquila), Triennale Internazionale d'arte Sacra (a c. di G. Di Genova), 1989; Cento (Ferrara), Magi '900, Museo delle eccellenze artistiche e storiche, 2006; Firenze, Archivio di Stato, Oggetto Libero, rassegna del libro d'artista, 2007; Brindisi, Palazzo Granafei-Nervegna, La Gioconda è nuda. Riscoperte e nuove icone (a. c. di A. Vezzosi), 2010; Miami (USA), Ca' d'Oro Gallery, Mona Lisa unveiled; Pensiero e Disegno, Yerevan, Galleria Nazionale Armena; San Gimignano, Galleria d'arte Moderna e Contemporanea Ricognizione toscana. Nuove acquisizioni a cura di Nicola Micieli, invitato al padiglione Italia per la 54° Biennale di Venezia.

La Cartella d'Artista